GRUPPO NUMERO 2

Pagina 4 di 7 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Seguente

Andare in basso

Errata corrige prezzo

Messaggio  fotoraccontare il Ven Apr 23, 2010 8:29 pm

Scusate, il costo totale dovrebbe essere 435 + eventuali 10 euro per il nastro....credo fosse la stanchezza della settimana.

fotoraccontare

Messaggi : 38
Data d'iscrizione : 27.03.10

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

tour fra i pianeti

Messaggio  caterina il Ven Apr 23, 2010 10:11 pm

EHI ragazzi scusate ma ero convinta di aver inviato già 2 post...tra cui esprimevo la mia preferenza ma mi sono accorta solo ora sto rileggendo tutto che i miei non ci sono...bhoooooo

vabbè cmq sono d'accordo anch'io con il giro fra i pianeti proposto da massi e nato a villa torlonia...pertanto mi metto a lavoro nel w-end per vedere se riesco a definire meglio qualcosa.

entro domani spero di poter dare il mio contributo.

buona serata

caterina

Messaggi : 12
Data d'iscrizione : 11.04.10

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: GRUPPO NUMERO 2

Messaggio  stefano pisani il Sab Apr 24, 2010 1:09 pm

scusatemi, ma il lavoro mi divora. E ogni volta è sempre complicato mettersi lì a rileggere tutto, per dare un'opinione che sembri sensata.
Quindi scusate l'astensionismo sul voto, ma ringraziando gli dei Smile anch'io ero per la proposta dei pianeti di massimiliano.
Per quanto riguarda l'abbozzo della presentazione del percorso, io non so se riesco a trovare il tempo per farlo entro lunedì. Ci posso provare, ma non garantisco. Per quanto mi riguarda, ci potrei sicuramente lavorare la settimana prossima: in generale, riusciamo a trovare più di uno di noi che cerchi di buttare giù questa bozza? Le probabilità che alla fine effettivamente per lunedì sia pronto qualcosa aumentano.
L'unica cosa, cerchiamo di evitare di essere troppo didascalici: "benvenuti, oggi faremo questo e questo e arriveremo a capire questo e quest'altro" per evitare il solito effetto finale del film svelato in anticipo.

stefano pisani

Messaggi : 26
Data d'iscrizione : 08.04.10

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

pianetando...

Messaggio  Mariasole il Dom Apr 25, 2010 11:33 am

L'idea era di realizzare i pianeti, anche se solo alcuni, mediante tende da fare a forma di "palla" colorate a seconda delle caratteristiche da evidenziare. Ad es Marte tutto rosso o arancione, per il forte calore che emana.
Insomma tutto sta a vedere quanto costa realizzare una cosa del genere, perche' noi eravamo partiti forse dall'essere troppo ricchi.
Con 400 euro non so se e' cosi' semplice comperare queste tende. Ma la seconda idea era quella di costruire noi i pianeti con carta, plastica o stoffa e fil di ferro.
L'interno di ogni pianeta dovremmo allestirlo ognuno con elementi caratteristici del pianeta. Avevamo pensato alle bilance per la gravita', alle stufe per Marte etc...
Vediamo un po' di ragionarci tutti sopra e buttar giu' qualcosa di concreto.
un abbraccio
buona domenica

Mariasole

Messaggi : 20
Data d'iscrizione : 03.04.10

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Rewind....?

Messaggio  fotoraccontare il Dom Apr 25, 2010 1:24 pm

....Mariasole....ma hai ripubblicato un post vecchio?...

Shocked

fotoraccontare

Messaggi : 38
Data d'iscrizione : 27.03.10

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Ri-Focalizzazione

Messaggio  fotoraccontare il Dom Apr 25, 2010 1:28 pm

Andate alla pagina precedente dei post: FOCALIZZAZIONE è il punto a cui siamo arrivati fin ora.

Ciao

fotoraccontare

Messaggi : 38
Data d'iscrizione : 27.03.10

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Repetita

Messaggio  fotoraccontare il Dom Apr 25, 2010 1:30 pm

Lo copio e ri-incollo quì, così com'era perchè forse è sfuggito...

Riprendo quello che avevo scritto e con alcuni dettagli in più lì dove mancavano.

Le condizioni sulla terra condizioni fisico chimiche rappresentate dai 4 elementi e dai pianeti.

Titolo "La Terra Che fortuna" Aria-Acqua-Terra e Fuoco

Pressione, Temperatura, Presenza di Acqua, Presenza di Particolari elementi chimici (atmosfera). Andiamo a visitare i pianeti che hanno condizioni estremamente diverse rispetto alle nostre, e vediamo cosa succederebbe li. Ogni pianeta è rappresentato da un Gazebo sferico (quasi)

Il pubblico entra nello spazio comune e si riunisce intorno (all'esterno) al pianeta terra (per ora vuoto o contenente alcuni oggetti museali che illustrano aspetti fondamentali per la vita).

Un'introduzione fatta dal primo animatore/responsabile laboratorio spiega le regole del gioco e dove ci stiamo recando. Quelli che abbiamo intorno a noi sono quattro pianeti (Luna, Europa, Mercurio, Terra), viaggeremo all'interno di questi pianeti e come esseri viventi sperimenteremo alcune delle condizioni che troveremo. Ognuno dei pianeti rappresenta un'elemento (Luna : terra - Terra: aria - Mercurio: Fuoco - Europa: Acqua)C'è qualcuno che può inserire prima di lunedì un abbozzo di questa presentazione del percorso? E' il primo dei pezzi mancanti.

Luna (5/10minuti): Terra (senza atmosfera):Sulla luna c'è pochissima atmosfera, cosa succede se non c'è atmosfera? Per vederlo abbiamo pensato all'istallazione di 1 tubo di Newton che fa vedere ai bambini e ai genitori (io pensavo di farli interagire chiedendo loro cosa si aspettassero che succedesse all'interno del tubo) il comportamento di ogetti in assenza di atmosfera è diverso da quello che si ha sulla terra,una piuma cade alla stessa velocità di una pallina di piombo, l'atmosfera ci serve per respirare, per proteggerci dai raggi del sole e per volare. Il suolo della luna è cosparso di Sabbia e si è pensato alla fine dell'esperienza dei tubi, di far loro lasciare un'impronta nella sabbia lunare e regalare loro una foto della loro impronta nella sabbia (quella è la foto della mia impronta sulla luna....ci sono stato....) prima di passare al successivo globo (pianeta). Una bilancia ci dice quanto peseremmo sulla luna e un foglio A4 a pennarello da portare a casa ce lo ricorderà...Anche quì si dovrebbe buttare giù un canovaccio di come spiegare le caratteristiche del pianeta (una sorta di breve presentazione di cos'è la luna e su cosa ci soffermeremo)

Mercurio (5/10minuti): Fuoco/Temperatura: Su mercurio la temperatura è molto più alta e molto più bassa che sulla terra (-170° +350°). Avevamo pensato di creare un globo con delle stufe e una temperatura molto più alta che nelle altre sfere, ricordando che quella temperatura era molto più bassa di quella su Mercurio, ma facendo comunque provare l'emozione di sentire il calore e di sperimentare la vicinanza al sole con un esperienza sensoriale. Avrei fatto entrare il pubblico nella sfera di Mercurio e dopo una breve introduzione sulle altre caratteristiche del pianeta avrei fatto notare la temperatura. Cosa succederebbe alla vita a temperature così alte (descrizione e visualizzazione degli amimali terrestri adattati alle alte temperature - il caso dele verme che vive nei vulcani marini), e cosa sarebbe successo accendendo improvvisamente (e solo teoricamente) l'aria condizionata (il concetto di escursione termica...e di polmonite...). La solita bilancia ci dice quanto peseremmo su Mercurio....Stesso discorso: Creare una piccola presentazione di Mercurio

Europa (5/10 minuti): Acqua/Umidità: Avremmo scelto Europa per rappresentare la presenza di acqua non disponibile (ma sembra che il sottosuolo di Europa potrebbe ospitare dei mari) Dopo un'altra breve presentazione del pianeta Europa si passa al tema dell'acqua (su Europa c'è acqua, ma è sotto forma di ghiaccio) cosa succede se non c'è acqua alla vita? Si potrebbe a questo punto fare degli esempi di come la disidratazione uccide una pianta (si porta una pianta completamente secca per mancanza di acqua). Potremmo portare dei cubetti di ghiaccio da dare ai bambini ( e agli adulti) per l'esperienza sensoriale (prevedere un secchiello dove poter gettare il ghiaccio una volta che la mano non ha più voglia di tenerlo). Una bottiglietta d'acqua potrebbe a questo punto essere necessaria per ricordare il pianeta andare avanti nella visita al globo "Terra" e per riprendersi dall'esperienza di Mercurio....Ancora una bilancia che ci dice quanto peseremmo su Marte. Come sopra una piccola presentazione di Europa, magari sottolineando che è forse l'ultimo battezzato



Terra: il compendio di tutto. Nel pianeta terra (gazebo dipinto da terra) potrebbero essere custodite delle curiosità sulla vita come la conosciamo oggi. Oppure delle spiegazioni approfondite sul pianeta terra (uno spaccato che ne illustra il nucleo...un'altro che mostra la struttura in sezione della crosta terrestre...boh...vediamo anche il materiale a disposizione al planetario, perchè su questo non possiamo prevedere un budget)

...dopo la visita al gazebo della terra con le curiosità di approfondimento il pubblico può uscire dall'istallazione.



Quindi: 3 pianeti (Luna, Europa, Mercurio) + la Terra con descrizione delle sue caratteristiche. (durata 60 minuti incluse le pause e le esperienze pratiche, direi di considerare 15 minuti a globo compresa la pausa, il riempimento della sala e lo svuotamento. e 15 minuti per l'introduzione iniziale sulle caratteristiche della Terra (ma essendo centrale e per tutti i gruppi in contemporanea, vedrei la spiegazione sulle caratteristiche della terra fatta all'esterno di un globo "terra" al cui interno potrebbero essere custodite le curiosità di approfondimento (da verdere eventualmente alla fine).

I vari globi possono essere veramente indipendenti tra loro, ma gli spettacoli devono iniziare ad intervalli di 15 minuti (durante la pausa e usciti dal globo ci si può anche recare all'interno del pianeta terra per gli approfondimenti) e tutti contemporaneamente (io non darei nessuna indicazione in questo senso lascerei alla curiosità dello spettatore quella di entrare nel pianeta terra posto in posizione centrale).

Tutte queste esperienze potrebbero essere svolte in forma di rappresentazione scenica interattiva con il pubblico (un attore per ogni pianeta).
Per interattivo non intendo necessariamente che il pubblico deve fare qualcosa (ma poi vedremo che comunque prende il ghiaccio di marte in mano, sente il calore di mercurio, e scatta la foto sulla luna) ma che il narratore si muove tra il pubblico all'interno di uno spazio ristretto e si fonde con il pubblico rendendolo partecipe del suo racconto. Questo avviene per ogni pianeta, tranne, forse, che per la terra dove essendo rivolto a tutto il gruppo ed essendo all'esterno del globo è più facile un tipo di narrazione tradizionale.


Budget

Costo dei gazebo* (a gazebo): 45 euro per il rivestimento (se fatto in plastica)......................... 45 euro
filo di ferro da 2mm (circa 70 mt di filo a gazebo)........................ 10 euro
vernice eventuale................................................................. 10 euro
----------------------------------------------------------------------------------------------------

Totale ............... 65 euro a gazebo
4 gazebi............. 260 euro


Lampade per Mercurio 3 stufe da 1200 w............................................................. 60 euro (20 euro a stufa)

Bilance..................................................................................................................presenti in museo
Tubo di Newton......................................................................................................... 90 euro
Sabbia per la luna..................................................................................................... In attesa
Ghiaccio per Marte................................................................................................... In attesa
Vaso di vetro per il ghiaccio...............................................................................................5 euro
2 Risme di Fogli A4 e 2 Pennarelli........................................................................................20 euro

Costo totale: 475 Euro + varie ed eventuali (vernicie - stampe - sabbia luna..ecc)


Il costo delle stampe fotografiche è dipendente dalla possibilità o meno di stampare direttamente al planetario o con una stampante fotografica eventualmente disponibile.

Lo spazio recintato si può realizzare con eventuali materiali presenti in planetario o con del nastro da incollare sul pavimento (cira 10 euro).

*Per il progetto dei gazebo rimando al post in cui ne avevo inserito la scansione
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


Chiaramente tutto questo è suscettibile di modifiche con le parti che mancano che ho cercato di evidenziare in neretto, ed anche parti da togliere o da aggiungere (anzi deve essere modificato e completato) direi se siete d'accordo. Per chi volesse inserire il suo contributo di fare un copia incolla del post e modificare o inserire le aggiunte su quanto già postato, per non riscrivere sempre tutto.

Saluti,

Massimiliano

fotoraccontare

Messaggi : 38
Data d'iscrizione : 27.03.10

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

re...post!!!

Messaggio  Mariasole il Dom Apr 25, 2010 1:53 pm

I'm sorry. Probabilmente ho fatto un "resume" per me!!! Very Happy
ciao ciao...

Mariasole

Messaggi : 20
Data d'iscrizione : 03.04.10

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

narrazione

Messaggio  stefano pisani il Mar Apr 27, 2010 3:14 am

Ciao ragazzi. Faccio un tentativo di mettere giù un filo conduttore narrativo. Cerco di salvare capra e cavoli (elemento sensoriale, quattro elementi, esperimenti). Ho cercato di recuperare anche la sembre bella pia intenzione della teatralità.
In questo periodo, complice il cinema (Percy jackson, Scontro fra Titani) è tornata moltissimo di moda la mitologia greca. I quattro elementi aristotelici sono in tema. Perché non unire il tutto?


La struttura narrativa potrebbe essere questa (fatti salvi i 4 gazebo):
(un animatore conciato da) Aristotele proclama che quattro elementi compongono l’universo. Uno scienziato (animatore fra il pubblico, inizialmente) dimostrerà che non è così passando da un gazebo all'altro - cioè che non bastano, presi uno alla volta, in certe specifiche condizioni, a creare la vita. Checché ne pensino gli dei che stanno a guardia dei gazebo, e che rappresentano gli elementi (aria, acqua, e fuoco). Ogni dio è convinto che basti l’elemento che rappresenta, a dare la vita.

Alla fine, nel quarto e ultimo gazebo, non c'è un dio ma si incontra Gea, un’animatrice. Gea, la Terra, sarà seduta all'interno (non sarà di guardia all'esterno dei gazebo, come gli dei) e farà capire che tutti gli elementi, in concomitanza e in certe condizioni, propiziano la vita. Ma non si tratterà proprio degli specifici acqua terra aria fuoco: l’aria significherà le proprietà dell’atmosfera, acqua quella dell’acqua, dei mari etc, fuoco l’escursione termica, la giusta temperatura, l’effetto serra, e la terra boh (biologi, astrofisici, naturalisti etc aiutateme).

Davanti ai primi tre gazebo sono posizionati, in piedi e in silenzio, magari braccia conserte, il Dio dei venti Eolo (davanti al gazebo aria – che vorrei fosse dedicato a Marte), quello del fuoco Efesto (gazebo fuoco) e il dio dei mari POesidone (gazebo acqua). Nel gazebo della Terra non c’è nessuno fuori, ma dentro c’è un globo terrestre, e seduto accanto a questo c’è una donna, Gea.

Fuori da ogni gazebo, appeso in alto, c’è un simbolo:
aria: http://www.catpress.com/planet/plafot/eolo.gif
acqua: http://www.sandomenico.org/uploaded/photos/Library/Poseidon.jpg
terra: http://apolide.files.wordpress.com/2009/10/gaia-terra-pianeta-madre-unione.jpg
fuoco: http://www.mimmorapisarda.it/Ulisse/efesto.gif


Ogni Gazebo ha un’ambientazione interna che ricorda i seguenti corpi celesti
Aria – Marte
Acqua – Europa?
Terra – Terra
Fuoco – Mercurio? Venere?

All’inizio propongo dunque di mettere al centro della scena un animatore vestito da filosofo greco antico (Aristotele). Questo animatore, all’improvviso comincerà a dire (con voce magari impostata alla maniera di Vittorio Gassman)

- Aristotele (enfatico): L’universo (guarda verso l’alto)… L’universo! Che grande mistero! Nella mia opera, la Fisica, io Aristotele, scopro che l’universo è formato da aria, terra, fuoco e acqua! Questi quattro elementi… formano il tutto!

Dal pubblico, un animatore sotto mentite spoglie, a questo punto alza la mano e prende parola. Lo chiamerò SCIENZIATO (ha un tono un po’ precisino, con accento milanese)

- S: eh no scusi (si stacca dal gruppo e si avvicina ad A) … ma non è proprio così eh
- A: cioè? Non sono quattro?
- S: no ma che ha capito, è che l’universo non è fatto da questi quattro elementi… su Ari, non mi faccia l’ingenuo…
- A: ma cosa dite, o villico
- S: eh ma che villico e villico, io sono uno scienziato eh, saprò di che parlo
- A: scienziato?
- S: eh sì. Ah già scusi (tira fuori un camice da laboratorio spiegazzato che si trovava sotto il maglione e lo indossa): ora va meglio, eh?
- A:…ma insomma…
- S: eh ma tanto ho ragione io eh… la vita è cominciata in modo diverso
- A: no, ho ragione io!
- S: no, io!
(Battibeccano)

A questo punto tuona il primo dio, Eolo, che si muove per la prima volta, dal primo gazebo, quello dell’aria:

- Eolo: Pagani! Come osate disturbare la mia quiete con le vostre facezie! E’ l’aria, coi miei venti, l’elemento essenziale per la vita! Venite e vedrete!
- Scienziato: ehi ehi non si agiti, alla sua età, poi…

Eolo invita a entrare nel gazebo. Entrano A, S e il pubblico. Il pubblico sarà invitato da S, mentre A continuerà a non interagire con gli spettatori. S sarà, durante tutto il laboratorio, quello che ha il contatto col pubblico, quello 'dalla loro parte'. L’ambientazione interna del gazebo è marziana.

A questo punto, S interverrà e dirà una cosa del genere:

S: Ue, senta Eolo, qua non ci siamo. L’aria mica basta da sola, per avere la vita eh. Guardi Marte, si guardi intorno.
E: cos’ha Marte che non va
S: e me lo chiede pure? Vogliamo fare una scommessina?

A questo punto lo scienziato fa un esperimento sull’atmosfera rarefatta di Marte, che dimostra a Eolo perché ci sia l’aria non sia favorevole alla vita. Qua dovete aiutarmi voi (io guarderò qualcosa su Internet appena posso). Sarebbe preferibile che all’esperimento potessero partecipare il pubblico.

Lo Scienziato e Aristotele interagiscono durante l’esperimento, e lo scienziato a volte si rivolgerà al pubblico, coinvolgendoli, con battutine. Non scrivo qui un testo preciso perché non so che esperimenti mirabolanti mi suggerirete.

(Ogni volta che si lascia un gazebo, il dio che lo custodiva torna al suo posto, in piedi, braccia conserte)

Vedendo che con lo scienziato Eolo non la spunta, interviene Efesto, dio del fuoco,

- Efesto: Eolo, dio dei fallimenti, non capirai mai gli umani! È il fuoco, l’unico elemento capace di convincerli!
- Scienziato: in effetti a luglio un bel calduccio ci voleva, eh

Ar, lo Sc e il pubblico vanno nel gazebo di Efesto, qui si svolgerà il secondo esperimento che, richiamando il pianeta Venere, o Mercurio, dimostrerà che la vita, a certe temperature, è anche qui improbabile

Dopo l’esperimento, si inserisce Poseidone
- Poseidone: Venite, infedeli! Qui fra le mie acque ci sono le risposte che cercate!
- Scienziato: eh una bella nuotatina ora me la farei…

Stessa situazione: esperimento che si riferisce a Europa. L’acqua da sola non basta. Come si procede?


- Scienziato: eh Aristotele, allora? Nemmeno con l'acqua l'hai spuntata. Come la mettiamo?
- Aristotele: non so… Invero sono confuso… eppure... sono un filosofo accorto e pure saggio… c’è qualcosa che non mi convince…
- Scienziato: guarda, io ho visto una bella tipa in quella roba lì (indica il gazebo) - io andrei a fare una visitina… (si avviano)
E voi (rivolgendosi agli dei) restate lì impalati?
Gli dei non rispondono.
Scienziati: vabbè, son solo dei. Che vuoi che ne capiscano.

Tutti entrano nell’ultimo gazebo. Qui Gea – che rappresenta il pianeta Terra - parlerà a tutti, non solo ad Ari e allo scienziato. Qui dentro che deve succedere? C’è qualche esperimento in programma?
Secondo me Gea deve fare una sintesi e spiegare le condizioni molto particolari che le permettono di vivere, cioè che permettono la vita sulla Terra.

Alla fine, lo Scienziato e Aristotele si ritrovano a parlare.

Scienziato: allora Aristotele, che hai imparato?
Aristotele: nulla. Avevo ragione. Acqua, aria, fuoco e terra. L’ha detto pure Gea.
Scienziato: ue, ma sei proprio fuori, te eh?
Aristotele: sarà, ma intanto io stasera ho un appuntamento.

Gea e Aristotele escono insieme sottobraccio.
Scienziato (guardando gli dei): partitina a carte?

Il finale è dei più biechi, me lo dico da solo. Ma che ve devo dì.

Lo so, Aristotele somiglia a Virgilio, lo Scienziato a Dante secondo Benigni. Però questo viaggetto è carino.


fateme sapè, ci sono buchi da riempire.
Il filo però mi sembra che ci sia.

buonanotte

stefano pisani

Messaggi : 26
Data d'iscrizione : 08.04.10

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: GRUPPO NUMERO 2

Messaggio  rob il Mar Apr 27, 2010 11:48 am

mi piace un sacco questa idea, però dovremmo rivedere il budget perchè a questo punto servono i soldini per i costumi, anche se compriamo solo 4 parrucche e un camice bianco si devono sempre considerare. però non capisco perchè ti serve per forza marte?per quanto riguarda la luna è l'unico gazebo che abbia davvero un senso e pure l'esperimento.anche perchè se utilizziamo marte sembra che ricopiamo l'altro gruppo.
però la sceneggiatura è fantastica

rob

Messaggi : 25
Data d'iscrizione : 13.04.10

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: GRUPPO NUMERO 2

Messaggio  stefano pisani il Mar Apr 27, 2010 11:53 am

mi serviva marte perché altrimenti quando Eolo dice: "l'aria da sola basta alla vita" non si può contraddire con, per esempio, la Luna. Cioè non si può dire "eh no ma guarda la Luna, che c'ha l'aria e non la vita" - cioè si dovrebbe trovare un pianeta che ha l'atmosfera ma non la vita (o almeno non si è ancora scoperto)... Marte avrebbe atmosfera rarefatta, quindi potrebbe andare bene e potrebbe andare bene anche con l'esperimento della caduta dei due oggetti, perché comunque l'effetto di frenamento nella caduta è molto minore rispetto a quello in atmosfera densa come quella tyerrestre

stefano pisani

Messaggi : 26
Data d'iscrizione : 08.04.10

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: GRUPPO NUMERO 2

Messaggio  rob il Mar Apr 27, 2010 12:40 pm

hai ragione.
a questo punto facciamo un pianeta gassoso, che di aria ce ne è quanta ne vuoi, l'ossigeno neanche a pagarne , pero ci sono altri elementi, i venti vanno a centnaia di metri al secondo. quindi lì eolo si divertirebbe un sacco. dato che gli altri fanno giove, noi potremmo fare saturno, urano o nettuno
mi sembra quello che ha i venti più forte tra i tre è nettuno, ma non ci giurerei.il più affascinante invece è saturno, con gli anelli. però c'è anche da dire che urano poverino non se lo fila mai nessuno quindi lo potremmo trattare noi.
a questo punto però c'è da chiedere aristotele con aria che intendeva ossigeno?oppure aria in generale?

rob

Messaggi : 25
Data d'iscrizione : 13.04.10

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Bella Ste'!

Messaggio  fotoraccontare il Mar Apr 27, 2010 2:11 pm

Io mi propongo per fare Aristotele.

fotoraccontare

Messaggi : 38
Data d'iscrizione : 27.03.10

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: GRUPPO NUMERO 2

Messaggio  stefano pisani il Mar Apr 27, 2010 3:53 pm

rob, penso aristotele intendesse aria, poi non so...
ma soprattutto: che esperimenti facciamo fare? su quelli stiamo un po' messi male
i biologi/astrofisici che suggeriscono?

stefano pisani

Messaggi : 26
Data d'iscrizione : 08.04.10

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

GLI DEI

Messaggio  Sara Riello il Mar Apr 27, 2010 7:10 pm

Bè, allora a questo punto, dato che il percorso è obbligato e continuo, i gazebi potrebbero anche non servire più...basta delimitare quattro zone diverse anche solo con dei pannelli con le immagini degli elementi e gli dei accanto e vicino la zona dei 'laboratori', magari fuori intorno alle aiuole o simili...
Si risparmierebbe sul budget...che fra l'altro se dobbiamo inventarci delle cose da fare lievita ancora!!!
Provo a rileggere il tutto con calma e pensare cosa si può fare o far fare per i quattro elementi oltre ai tubi di newton per l'aria...
...a stasera!
sara

Sara Riello

Messaggi : 31
Data d'iscrizione : 29.03.10

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Sceneggiatura

Messaggio  fotoraccontare il Mar Apr 27, 2010 7:35 pm

Sono l'unico che ha sentito Gabriele dire di non tirare fuori altre idee e lavorare sulla sceneggiatura? Pensavo di aver capito che l'esercizio questa settimana dovesse essere questo.

Saluti e baci.

fotoraccontare

Messaggi : 38
Data d'iscrizione : 27.03.10

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: GRUPPO NUMERO 2

Messaggio  rob il Mar Apr 27, 2010 7:37 pm

si hai ragione.apparte che effettivamente stefano ha lavorato sulla sceneggiatura che è ottima, e poi così come è il laboratorio non va quindi o si migliora oppure è inutile, perchè tanto non ce lo farebbero attuare

rob

Messaggi : 25
Data d'iscrizione : 13.04.10

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

disponibilita'

Messaggio  Mariasole il Mar Apr 27, 2010 11:39 pm

Ciao a tutti!!!
L'idea di Stefano e' molto bella, grande Ste'! Solo che mi sa che abbiamo bisogno di vederci, da lontano e' un po' difficile organizzare il tutto!!!
Ognuno scriva il giorno in cui e' disponibile con relativa fascia oraria (mattina/pomeriggio/sera), male che va possiamo fare anche a cena!!! Per me andrebbe bene anche domani sera, nel week-end mi resta un po' difficile!

bacini

Mariasole

Messaggi : 20
Data d'iscrizione : 03.04.10

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

RE

Messaggio  Sara Riello il Mer Apr 28, 2010 12:00 am

Non pensavo di rivoluzionare il tutto, volevo cercare in realtà qualcosa che sostituisse 'la stufa' in pieno luglio in un posto dove mi pare di aver capito che già si schiatta dal caldo! E cmq non mi viene in mente nulla se non cose stupide sul concetto di calore e trasmissione dello stesso che mi sembrano allontanarsi da quella che voleva essere la nostra trasmissione sensoriale di impossibilità della vita a determinate temperature :-(
Lasciamo sta benedetta stufa?

Se concordiamo sul filo conduttore di stefano la scenografia ha preso la sua strada e va perfezionata... i soldi sono pochi, o meglio, coi gazebo siamo già oltre, quindi qualcosa bisogna togliere. Il lavoro dato da Gabriele mi sembrava fosse quello che dice Massimiliano, ma perchè a noi mancava la sceneggiatura in primis, ma il senso di tutto è presentare un progetto COMPLETO e realizzabile con quei soldi...e mi pare che non ci siamo.

Quanto alla sceneggiatura di Stefano io:
- metterei gea tipo 'madre terra' nel programma di bonolis, che ai bambini piace tanto.
- Ritengo inutile dover legare un elemento per forza ad un solo pianeta, se il nostro filo conduttore sono gli elementi, rappresentiamo quelli (che ci siano o meno i gazebo) e citiamo di volta in volta tutti i pianeti che hanno in evidenza quell'aspetto
- il termine villico va spiegato in qualche modo ai bambini e/o sostituito
- il finale rimane sospeso, non si capisce chi aveva ragione tra S e A e l'uscita di scena della nuova coppietta distrae dal messaggio che vogliamo mandare....che peraltro qui mi sembra un pò perso:non era il concetto che la terra è fortunata...per la nostra forma di vita, e che altre ne potrebbero esistere che noi non immaginiamo nemmeno?? altrimenti che senso avrebbero il verme vulcanico e il pesce abissale, oltre a confondere le idee ai bambini? (- diciamo che devono esserci delle concomitanze di fattori per permettere la vita e poi gli facciamo vedere forme di vita esistenti dove queste concomitanze invece non esistono o quasi!?)

....o forse non era questa la finalità del nostro laboratorio!
Io, scusate, sarà che ci siamo allontanati una cifra dal progetto iniziale e siamo finiti in qualcosa nato a un incontro in cui non ero presente, ma temo di essermi persa...

P.S Vederci per me è diventato impossibile....eccetto domani verso le 16.30 - 17.00, a meno che non veniate tutti a ventotene!
Se si riesce a organizzare per domani pomeriggio e non vedete una mia conferma scritta sul forum, vi prego di inviarmi un sms, vuol dire che domattina alle 6, prima di uscire di casa, non ce l'ho fatta a collegarmi e leggervi. Vi riscrivo il mio cell 340 - 5412447
grazie
sara

Sara Riello

Messaggi : 31
Data d'iscrizione : 29.03.10

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Data incontrarsi

Messaggio  fotoraccontare il Mer Apr 28, 2010 2:54 am

Ragazzi, io questa settimana sono messo veramente male (anche permanenza forzata dello scooter dal meccanico per rifacimento totale del motore). Quindi voi organizzate l'incontro e poi vi dico se magari riesco ad esserci (ma sinceramente se non è nel w-end la vedo dura).
Tendenzialmente se devo dare un giorno e una facia oraria direi giovedì a cena. Ma ripeto organizzatevi secondo le vostre esigenze e io poi mi aggiungo,

Baci

fotoraccontare

Messaggi : 38
Data d'iscrizione : 27.03.10

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: GRUPPO NUMERO 2

Messaggio  stefano pisani il Mer Apr 28, 2010 3:16 am

Non pensavo di rivoluzionare il tutto, volevo cercare in realtà qualcosa che sostituisse 'la stufa' in pieno luglio in un posto dove mi pare di aver capito che già si schiatta dal caldo! E cmq non mi viene in mente nulla se non cose stupide sul concetto di calore e trasmissione dello stesso che mi sembrano allontanarsi da quella che voleva essere la nostra trasmissione sensoriale di impossibilità della vita a determinate temperature :-(
Lasciamo sta benedetta stufa?

Se concordiamo sul filo conduttore di stefano la scenografia ha preso la sua strada e va perfezionata... i soldi sono pochi, o meglio, coi gazebo siamo già oltre, quindi qualcosa bisogna togliere. Il lavoro dato da Gabriele mi sembrava fosse quello che dice Massimiliano, ma perchè a noi mancava la sceneggiatura in primis, ma il senso di tutto è presentare un progetto COMPLETO e realizzabile con quei soldi...e mi pare che non ci siamo.

Quanto alla sceneggiatura di Stefano io:
- metterei gea tipo 'madre terra' nel programma di bonolis, che ai bambini piace tanto.
sì ok, ma un po' meno nuda


- Ritengo inutile dover legare un elemento per forza ad un solo pianeta, se il nostro filo conduttore sono gli elementi, rappresentiamo quelli (che ci siano o meno i gazebo) e citiamo di volta in volta tutti i pianeti che hanno in evidenza quell'aspetto

Ma rappresentare tutti pianeti, non è dispersivo? con i gazebo per singolo pianeta tu raccogli in una scenografia circoscritta le atmosfere di quel pianeta (e salviamo l'aspetto sensoriale che sottolineò Gabriele)


- il termine villico va spiegato in qualche modo ai bambini e/o sostituito
non importa, è una suggestione, un termine aulico lanciato lì a caso per fare atmosfera - non ha una funzione specifica, può anche non essere compreso. comunque se è una questione di vita o di morte si può chiaramente cambiare



- il finale rimane sospeso, non si capisce chi aveva ragione tra S e A e l'uscita di scena della nuova coppietta distrae dal messaggio che vogliamo mandare....che peraltro qui mi sembra un pò perso:non era il concetto che la terra è fortunata...per la nostra forma di vita, e che altre ne potrebbero esistere che noi non immaginiamo nemmeno?? altrimenti che senso avrebbero il verme vulcanico e il pesce abissale, oltre a confondere le idee ai bambini? (- diciamo che devono esserci delle concomitanze di fattori per permettere la vita e poi gli facciamo vedere forme di vita esistenti dove queste concomitanze invece non esistono o quasi!?)

il fatto è che Gea dovrebbe spiegare tutto, dire che, è vero, noi siam fortunati, tuttavia esistono su altri pianeti etc.
ma il discorso di Gea lo dobbiamo ancora pianificare. Quindi la confusione nel finale non c'è, o meglio, non ci dovrebbe essere (dato il discorso di Gea). Il finale resta quindi solo come un'uscita di scena.
Ma ti dirò di più. In un certo senso, lasciato così, potrebbe anche far passare il concetto che Aristotele, con tutte le approssimazioni del caso, non andò proprio tanto lontano dalla verità. Nel senso, ed è questa una interpretazione interessante, che i suoi 4 elementi richiamano in realtà 4 (e più) condizioni, che effettivamente sono molto importanti per la vita. facendo dunque una esegesi un po' più profonda del suo enunciato, il suo pensiero, per quanto non rigoroso e chiaramente naif, può essere anche rivalutato. E mi sembra una lettura piuttosto interessante.



....o forse non era questa la finalità del nostro laboratorio!
Io, scusate, sarà che ci siamo allontanati una cifra dal progetto iniziale e siamo finiti in qualcosa nato a un incontro in cui non ero presente, ma temo di essermi persa...

P.S Vederci per me è diventato impossibile....eccetto domani verso le 16.30 - 17.00, a meno che non veniate tutti a ventotene!
Se si riesce a organizzare per domani pomeriggio e non vedete una mia conferma scritta sul forum, vi prego di inviarmi un sms, vuol dire che domattina alle 6, prima di uscire di casa, non ce l'ho fatta a collegarmi e leggervi. Vi riscrivo il mio cell 340 - 5412447
grazie
sara




io sto a nappule...

stefano pisani

Messaggi : 26
Data d'iscrizione : 08.04.10

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: GRUPPO NUMERO 2

Messaggio  rob il Mer Apr 28, 2010 12:08 pm

io purtroppo sono un pò incasinata in questi giorni, inoltre venerdì parto enon potrò comunicare neanche via e-mail

rob

Messaggi : 25
Data d'iscrizione : 13.04.10

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: GRUPPO NUMERO 2

Messaggio  Sara Riello il Mer Apr 28, 2010 11:49 pm

Cito e commento anche io:
sì ok, ma un po' meno nuda
- certo, ci mancherebbe!!!

Ma rappresentare tutti pianeti, non è dispersivo? con i gazebo per singolo pianeta tu raccogli in una scenografia circoscritta le atmosfere di quel pianeta (e salviamo l'aspetto sensoriale che sottolineò Gabriele)
- Non intendevo RAPPRESENTARE TUTTI i pianeti, ma piuttosto rappresentare gli elementi (come del resto sarebbe con le icone e gli dei all'ingresso dei gazebo/postazioni) e poi far citare i pianeti che presentano per es temperature alte o mancanza di atmosfera dal dio stesso che parla

il termine villico:non importa, è una suggestione, un termine aulico lanciato lì a caso per fare atmosfera - non ha una funzione specifica, può anche non essere compreso. comunque se è una questione di vita o di morte si può chiaramente cambiare
- non è di vita o di morte, e per fare atmosfera può andare bene, ma mi immagino il ragazzino interessato, che vuole capire tutto e comincia a chiedere al genitore una spiegazione, distraendo e distraendosi! Lo stesso A può unirci insieme anche un altro sinonimo

Per il finale ok, scusa, non avevo capito bene che gea spiega tutto, allora anche l'uscita di scena può andare!

Dobbiamo deciderci per sti gazebi e la stufetta..che dite?

ora ci dormo su!
notte

Sara Riello

Messaggi : 31
Data d'iscrizione : 29.03.10

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

discorso di gea

Messaggio  stefano pisani il Gio Apr 29, 2010 2:32 pm

Per il discorso di Gea, credo che potremmo prendere spunto da questo:
http://www.respiroaria.it/?q=it/node/elementi
(ad eccezione, chiaramente, della parte dedicata all'AMORE <3 <3 ... )

GEA (tenendo in mano una zolla di terreno, sul display alle sue spalle [ah, non ve l’ho detto, chè un monitor alle sue spalle che trasmette immagini] scorrono immagini di, che so, formazioni rocciose imponenti tipo Alpi, Gran Canyon, cose così, ma anche isolotti in mare): “Siamo così convinti che non esista niente di più solido, di più statico della terra, e invece sotto i nostri piedi, trasportata dalle zolle rocciose, i continenti vanno lentamente alla deriva, sotto la spinta dei flussi di calore del mantello semifuso sottostante.
Arricchita dall’acqua, dall’aria e dalle radici, la terra ospita numerosissime forme di vita: batteri, lieviti e ife del micelio dei funghi che trasformano le sostanze del suolo, azoto, fosforo e zolfo e le rendono assimilabili dalle piante. A sua volta la terra si arricchisce di sostanze organiche morte che la rendono fertile per nuovi soggetti di vita. In un ciclo continuo vitale di nascita e morte.

La superficie del nostro pianeta (prende un bicchiere d’acqua, di vetro trasparente e lo scruta, immagini sul display della terra vista dallo spazio alternate a cascate, oceano, diluvi, etc) è ricoperta per i sette decimi di acqua, ghiacciai, laghi, mari e oceani. E’ l’unico pianeta conosciuto ad essere ricoperto da acqua liquida, ad avere l'acqua allo stato liquido, gassoso e solido... Tutti gli organismi viventi sono costituiti da gocce di acqua, leggermente salina, racchiuse in sacchettini: le cellule. Dalla navetta spaziale Apollo 14, la Terra si vedeva blu…il colore degli oceani.

E’ la forza di gravità, esercitata dal nucleo ferroso della Terra, che consente di mantenere adesa alla sua superficie gli strati di acqua liquida. Ma come ha fatto l’acqua a formarsi? Nelle fasi evolutive della Terra si alternarono epoche con assenza e poi presenza di atmosfera primordiale; questa atmosfera era ricca di azoto, anidride carbonica e di vapore acqueo prodotto grazie all’evaporazione di ghiacci portati da comete e asteroidi, al degasamento e al vulcanesimo. Il vapore acqueo cominciò a condensare per saturazione e formò gli oceani. Ed è negli oceani che si sono evolute le prime forme di vita. Sono state le prime alghe fotosintetizzanti a liberare, con il processo di fotosintesi, ossigeno allo stato libero nell’atmosfera. Tutt’oggi il 70% dell’ossigeno che si trova nell’atmosfera è prodotto dalle alghe marine.

L’aria (prende un ventaglio e si sventola – ah non ve l’ho detto, c’è un ventaglio - sul display immagini di mongolfiere, tornado, e qualcosa che abbia a che fare con l’aria) è l’insieme dei gas che costituiscono l’atmosfera, la fascia che avvolge la Terra dalla sua crosta fino al vuoto dello spazio. E’ costituita dal 78% di azoto, dal 21% di ossigeno, l’1% è argon, altri gas, quali per esempio l’anidride carbonica, sono presenti solo in tracce. Non è sempre stato così sulla Terra, all’origine non c’era ossigeno mentre abbondava l’anidride carbonica, lentamente la vita ha modificato la composizione dell’aria e tende a mantenere questo equilibrio così favorevole per la vita animale.
Anche l’atmosfera rimane legata alla Terra per la forza di gravità che essa esercita e, sempre per questo, l’aria è più densa a livello del mare e più rarefatta negli strati più alti, dove addirittura atomi di idrogeno, essendo i più leggeri, vengono dispersi nello spazio.
L’atmosfera è uno scudo che protegge la Terra dalle radiazioni elettromagnetiche del Sole, in parte assorbendole e in parte riflettendole. Grazie al calore trattenuto nello strato di atmosfera a contatto con la superficie terrestre, avviene l’evaporazione degli oceani e delle acque dolci. Il vapore acqueo, risalendo e raffreddandosi, forma le nubi, che con i fenomeni meteorologici restituiscono l’acqua dolce al pianeta.

Il fuoco (accendino – immagini sul display del Sole – vulcani?). L’energia che ci dà il Sole: la nostra stella. E’ grazie a questa che la vita é. E’ grazie anche alla Terra, al fatto che si trovi “alla giusta distanza” dal Sole, che sul nostro pianeta ci sia la vita, così per come la conosciamo.

Ma la vita potrebbe esserci anche altrove, anche se finora non lo abbiamo scoperto. Ci sono alcune creature viventi che potrebbero abitare su pianeti in condizioni apparentemente insopportabili. Ad esempio… ... ... "

Che colonna sonora ci mettiamo, mentre parla Gea? perché va una colonna sonora in sottofondo, secondo me.

Quindi, alla fine, negli altri tre spazi ci sono esperimenti, in questo invece no, c'è l'AGNIZIONE DEL PIANETA TERRA (scusatemi, mi prende così).
che ne pensate?

il nodo degli esperimenti sta sempre là. Optiamo per la soluzione alessandrina?

stefano pisani

Messaggi : 26
Data d'iscrizione : 08.04.10

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: GRUPPO NUMERO 2

Messaggio  rob il Gio Apr 29, 2010 5:07 pm

penso che sia molto bello!!!complimenti!!!!mi sembra che manca la parte degli essere viventi che vivono in condizioni assurde, ma forse non l'ho letta attentamente, quella dovrebbe essere aggiunto, e nello schermo potremmo mandare anche quelle immagini.

rob

Messaggi : 25
Data d'iscrizione : 13.04.10

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: GRUPPO NUMERO 2

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 4 di 7 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Seguente

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum