GRUPPO NUMERO 3

Andare in basso

GRUPPO NUMERO 3

Messaggio  Admin il Sab Apr 10, 2010 11:38 am

GRUPPO FORMATO DA ( )

Admin
Admin

Messaggi : 18
Data d'iscrizione : 26.03.10

Visualizza il profilo http://lapeex.forumotion.com

Torna in alto Andare in basso

Gruppo N.3

Messaggio  Mark Walls il Dom Apr 11, 2010 2:11 am

Il gruppo al momento e' formato da:

Adriana Nave
Cinzia Di Porto
Francesca Toglia
Ivano Rossi
Marco Valli
Sara Riello

Mark Walls

Messaggi : 30
Data d'iscrizione : 08.04.10
Età : 41
Località : Roma

Visualizza il profilo http://markwalls.wordpress.com/

Torna in alto Andare in basso

fino ad ora...

Messaggio  Mark Walls il Lun Apr 12, 2010 1:25 pm

Cari Tutti,
mi provo a condividere qui il risultato dei nostri "palleggiamenti" degli ultimi giorni...Se la collaborazione sul forum parte, ottimo...sara', spero, un valido strumento e "momento" di confronto, apprendimento e condivisione (parola che con me torna SEMPRE!)...

Nel nostro gruppo temo siamo ancora lontani dalla convergenza su molte cose...cerco di esprimere qui al meglio le idee di tutti, spero di farlo in maniera consistente con la realta'...cosi' come spero anche gli altri vogliano proseguire "qui" il dibattito Wink

Ci siamo orientati anche noi sul tema che io chiamerei genericamente "astrobiologia": indagine sull'origine e evoluzione della vita. Da una parte, la finalita' e' quella di mettere in luce cosa sia la vita, quindi quali siano gli "ingredienti" necessari...e quali siano i fattori (astrofisici, geologici, chimici e biologici) che hanno favorito la nascita di forme di vita sulla Terra...e dove si possano trovare/cercare condizioni simili o in ogni caso favorevoli ad un miracolo simile.

Il tema sembrava ottimale sia per favorire l'interazione tra le nostre diverse "provenienze/formazioni/competenze"...sia perche' trova un suo naturale svolgimento nel Museo Astronomico. Il materiale gia' presente, infatti, costituisce uno strumento di base per la discussione ed il confronto delle caratteristiche della Terra e di alcuni corpi del sistema solare. Il resto sta a noi, attraverso il nostro racconto e tutto il resto Cool

La struttura narrativa da me proposta prevedeva una prima parte di discussione/esposizione su cosa sia la vita. Una riflessione un po' piu' profonda, visto il target gia' abbastanza maturo (o cosi' si suppone Razz ), sul reale ruolo svolto dalla presenza di acqua allo stato liquido, atmosfera e sua composizione and so on.

Il vero "scontro" nel gruppo e' avvenuto sul fronte della attivita' pratica. Sul suo ruolo e significato generale all'interno del Laboratorio. Questo e' sicuramente importantissimo ed interessante di per se', e mi auguro venga approfondito e riconsiderato tutti assieme anche oggi con l'aiuto e l'esperienza del "Mister", Gabbbbbriele Wink

Piu' nel "pratico", io sono andato alla ricerca (con scarsissimo succeso, fino ad ora...) di possibili esperienze pratiche volte a mettere in luce gli aspetti - secondo me fraintesi e sottovalutati - dell'influenza di acqua liquida e atmosfera sull'origine ed evoluzione della vita. Quindi qualche semplice esperienza ad esempio che "mimasse" gli scambi cellulari, la diffusione attraverso una membrana, il differente svolgimento di una reazione in presenza di acqua/solvente o simili; sul modo con il quale il materiale solido in superficie, quali rocce e minerali, interagisce con l'atmosfera; come si possa studiare "da lontano" la composizione di una atmosfera con esperimenti di spettroscopia. Il mio punto di vista e' che questo tipo di esperienza sia funzionale allo scopo, semplice da realizzare, poco expensive (assolutamente da dettagliare all'interno del budget) e, sopratttutto, che chiarisca alcuni punti chiave all'interno della nostra narrazione per ispezione diretta.

Dall'altra parte, Sara ha proposto come attivita' pratica la realizzazione di un modello dei movimenti diversi della Terra e di Marte, per mettere in evidenza il fatto che l'assenza di un satellite di grossa taglia (come la Luna per la Terra) impedisca la presenza di un ciclo di stagioni sufficientemente stabile (l'asse di rotazione di Marte se ne va un po' troppo a spasso, con conseguenti cambiamenti climitatici troppo "rapidi" confrontati con le scale di tempo richieste per la stabilizzazione della vita)...la mia obiezione principale risiede nel fatto che un modello del genere sia praticamente impossibile da costruire in una giornata di lab, che non si impari molto dalla costruzione dello stesso in se' e che la cosa si concentri su un unico aspetto del tema trattato. Penso che la difficolta' pratica dell'attivita' sia molto superiore al beneficio in termini di conoscenze.

Da parte sua, Sara piu' che giustamente critica la totale mancanza di concretezza delle mie proposte "pratiche" e, se non ho capito male, di una certa lontananza e incoerenza delle stesse con il tema originario...

Qualcuno vuole/puo' darci una mano, un parere, un consiglio??? Siete i benvenuti Very Happy

a tra un po' tongue

Mark Walls

Messaggi : 30
Data d'iscrizione : 08.04.10
Età : 41
Località : Roma

Visualizza il profilo http://markwalls.wordpress.com/

Torna in alto Andare in basso

Re: GRUPPO NUMERO 3

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum